Da Gioia Emilia Romagna. A seguito dell’ordinanza firmata dal sindaco Matteo Gozzoli lunedì 8 giugno dove si vieta la vendita per l’asporto di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione e di bevande analcoliche in bottiglie di vetro dopo le 21 fino alle 7, ha visto muovere subito in protesta gli esercenti di Cesenatico. Ricordiamo anche che tale ordinanza è restrittiva da viale Zara di Cesenatico (levante) fino a via Cavour (Ponente). Nel pomeriggio di oggi si sono dati appuntamento un gruppo di esercenti che si sono sentiti colpiti da questa ordinanza restrittiva, si sono ritrovati alla piadineria bar 1908 di Manuel Consoli. Manuel con la sua piadineria, sita in viale Carducci 187 sarebbe fuori dall’area dell’ordinanza, ma è solidale con i suoi colleghi.

 

Filippo del Bodeguilla” Mi sembra che la reazione avuta dal comune sia stata un pò troppo esagerata e fuori misura”

Alessandro del Takeaway 69 “Io mi trovo con 4 metri quadri ,quindi in teoria posso lavorare con 4 persone. Ditemi voi come posso lavorare dopo le 21” 

Lian di Steamboat Willie “A causa degli eventi di sabato sera di piazza Costa ci rimettiamo noi esercenti”

Anna dell’edicola di fianco al Cafè degli Artisti assieme al suo compagno “Per quello che successo nel fine settimana in piazza Andrea Costa dalle nove di sera non possiamo vendere alcolici ed analcolici. Noi abbiamo un piccolo frigor, dove gente di passaggio non potrà comprare, ne una birra, ne una coca cola e neanche una bottiglia di acqua! Ci viene impedito di dare questo tipo di servizio”. 

Andrea del Beer Stop “Sono contento perchè oggi ci siamo incontrati , ci siamo confrontati sulle nostre realtà ed abbiamo visto che abbiamo tanti punti in comune. Ora vedremo insieme cosa fare per risolvere questa situazione”

A voi il servizio 👇